sabato 25 febbraio 2017

Certificate Lech 6m x 2,5m

LECH, 6m x 2,5m, venice on wood board 400kg, 2017

believe it or believe it not: its decadence or not if i mixed champagne into the colors and champagne to clean the paint brushes. but thats how i worked for this painting in 4:30 hours in the austrian alps, at lech the richest village in austria today and the poorest village more than 100 years ago. the street brought them the money. the identical connection between lech am arlberg and the piazza garraffello in palermo are my flowers, the square with the most expensive real estates in town, the ruin oneself by speculation.

the difference to my palermo interventions is that my lech painting is a capital object and since yesterday the galerie gregor k. and me did an accordance with a family that is the owner now and they will give it to public, but in different ways, in ways they´ll think its gonna be alright. i know its in good hands, because till now its one of the smoothest pictures what i saw from lech and thats why i did it in fast and hard dynamic conditions, like that i never can do it again.

⏩ https://youtu.be/LOU7f8cs3vo
⏩ https://www.vn.at/2017/02/so-sieht-das-fertige-bild-aus-das-sich-n.jpg
⏩ http://uwejaentsch.blogspot.co.at/2017/02/uwe-jantsch-galerie-gregor-k-lech-sa_10.html

uwe jäntsch & galerie gregor k.
1999 die schwarze madonna und kl. alpzug, bregenz (A)
2000 der 20. raum, guten tag und aufwiedersehen, bregenz (A)
2002 raum nr 24, flügel von tauben berühren, bregenz (A)
2017 4 stunden galerie gregor k. lech (A)

⏩ https://youtu.be/hkUQWUbK6zg

venerdì 10 febbraio 2017

Uwe Jäntsch & Galerie Gregor K. - Lech SA 18.FEB 2017

4 stunden uwe jäntsch & galerie gregor k. 86cm x60cm offset

Künstler: UWE JÄNTSCH 
Titel: 4 STUNDEN GALERIE GREGOR K. 
Galerist: Gregor Koller 
Technik: Champagne Bildgestaltung Lack auf Holztafel 6m x 2,5m mit Zuschauern und Moderator 
Datum: Samstag 18. Februar 2017 
Uhrzeit:
12:00 - 16:00 
Restaurat/Bar: Schlegelkopf (Schlegelkopfbahn Bergstation) 
Ort: Lech am Arlberg 
Koordination 4 hours Event: Kunstpunkt Kunstförderverein Vorarlberg, Obmann Gregor Koller, TR DI Michael Manhart 
Koordination Uwe Jäntsch: Costanza Lanza di Scalea 
Gadget: Poster "4 Stunden Uwe Jäntsch & Galerie Gregor K." signiert / 86cm x 60cm / offset / stk: 200

Liebe Freunde, liebe Fabienne von der LZTG, als Kunstinstallation Winter 16/17 möchte unser Freund Gregor Koller „Höhenkoller“ mit dem renommierten Künstler Uwe Jäntsch am 18.2. Samstag von 12 bis 16 Uhr auf der Ebene vor dem Restaurant Schlegelkopf eine Bemalungsaktion durchführen. Der Gemäldeträger ist eine Holztafel in drei zusammengeschraubten/verbundenen Teilen mit den Gesamtabmessungen b = 6m und h = 2,5m. Er wird mit zusätzlichen Tork-Schrauben und Verbinderbrettern von i+R Schertler geliefert. Die Bretter sind etwa 2 cm stark. Verschraubt wird von hinten. Diese große Holztafel soll vorne auf dem Schubschild bzw. eventuell auf dem einhängbaren Materialkorb befestigt werden. Die Pistenmaschine dient sozusagen als Staffelei und ist, wie gesagt, von 12 bis 16 Uhr blockiert. Die Gäste unseres Restaurants und allfällige Zuschauer können den Künstler in Aktion bewundern, hoffentlich auch die Medien, die Gregor Koller in Absprache mit Fabienne Kienreich von der LZTG kurzfristig organisiert. Danke! 


Nach der Aktion sollte das Bild z.B. im UG der Schlegelkopfbahn zum Trocknen gelagert werden, oder aber im Heustall Schottenhof. Das Bild könnte später an der Bürofassade des Schottenhofs ausgestellt werden, bis es verkauft ist. Das Wetter muss hinhauen, damit sich das genau so realisieren lässt! Auf gutes Gelingen!


TR DI Michael Manhart

sabato 4 febbraio 2017

UWE TI AMA

di Federica Provenzano, Palermo 13/01/2017 h22:50 

Il tuo nome, UWE TI AMA, come nasce? A cosa si riferisce? la mancanza dell´amore nella nostra cittá, una bella impressione quando sono i nostri picciotti sotto l´effetto di cocaina a ballare e certamente scrivere "ti ama" e meglio come “jaentsch" nel caso di una denuncia per prendere soldi veloci da me. 

Cos’è per te l’arte? uno strumento utile. 

Molti artisti non considerano le proprie opere delle opere d’arte, tu che rapporto hai con le tue? sono sempre in un buon rapporto con le mie. 

Che pensi dell’arte all’interno del museo? Un oggetto cambia di significato in dipendenza dal luogo in cui è stato creato. Credi sia una questione valida per ogni tipo di arte? un museo é un carcere, ma una buona sicurezza dipende dal direttore del museo per la sua socialitá chiusa. 

La tua la definisci come street art? che ruolo dai a questa? streetart? sono opere nella libertá e si definiscono in metri quadrati in posti variabili. invece io mi occupo di una strategia degli interventi ad un oggetto che ha una profonditá cattiva, abusiva, affacinante. in questo caso la piazza garraffello é pure un oggetto. comunque non sono uno streetartista, ma apprezzo molto alcuni quadri che ci hanno regalato. 

Se le tue opere d’arte pubbliche fossero privatizzate e vendute, come reagiresti? dipende dal contratto del venditore. 

Pensi che le tue opere possano rendere migliore la città ed il modo in cui i cittadini la percepiscono e la vivono? io vivo dei risultati, non dei miei pensieri. i cittadini incazzati e felici sono la cornicia delle mie opere. 

Attraverso il segno ed il gesto artistico gli abitanti riescono a relazionarsi con i luoghi che, in mancanza di questi, prima trascuravano. Hai notato cambiamenti nell’atteggiamento dei passanti da prima a dopo la presenza della tua arte? io vivo dei risultati, non dei miei pensieri. i cittadini incazzati e felici sono la cornicia delle mie opere. 

Perché, tra tutte le città, hai scelto Palermo? come sei stato accolto? non ho scelto io palermo. palermo ha scelto me. sono una vittima se vuoi. 

In che modo cerchi di comunicare con la città e con i suoi abitanti? Riesci nel tuo intento? al´inizio ho creato bei fiori alla piazza garraffello, poi coca cola, la cattedrale dei rifiuti, banca nazion, il bancomat, l´aquila con la svastica, il si vende, durex. tutto per la comunicazione della bellezza dell´abusivismo d´arte con gli abitanti, i cittadini e la gente fuori dall´italia. 

La tua fama, nella nostra noncurante città, nel corso del tempo si è evoluta. Hai notato un riscontro positivo da parte dei cittadini e dell’amministrazione comunale di Palermo dopo esserti affermato, anche qui, come artista? evoluta alla facciata, no nella profonditá. per questa si chiama palermo e i cittadini sono il comune di palermo e a loro piacciano gli interventi veloci con cemento e vasi di plastica e prestiti infiniti per tutto senza rimborsare una volta e il mare é bello, pure il sole. che dire? 

Sembrerebbe un paradosso il fatto che dopo aver pulito la piazza dai rifiuti ed averli trasformati in un’istallazione hai scritto su una fontana cinquecentesca. ho aperto pure l´acqua con la mia responsabilita´, la ho pulita piú volte dagli imbrattamenti permanenti e tanti tanti servizi di questa fontana cinquecentesca, perché mi vergogno di dire che é una vergogna, per me, per noi e per i nostri visitatori che vengono da fuori dall´italia. poi nella altezza dei numerosi danni ho scritto "si vende“ con tutto il cuore. adesso ci vediamo al mio processo. ho una splendida documentazione di questa fontana di tutti i veri danni della fontana prima e dopo del mio "si vende“, perché sono anche un artista delle documentazioni.